Fiche

Disponible uniquement sur Etudier
  • Pages : 13 (3181 mots )
  • Téléchargement(s) : 0
  • Publié le : 4 janvier 2011
Lire le document complet
Aperçu du document
N°9 Ottobre 2010

Prospettive economiche e bancarie
Crescita italiana: un po’ meglio del previsto?

Pubblicazione trimestrale

Dall’inizio dell’anno, abbiamo progressivamente rivisto al rialzo le nostre previsioni di crescita per l’Italia. La terza economia della zona euro si è dimostrata infatti più robusta del previsto, grazie ad un rialzo delle esportazioni, che alimenta la ripresa delsettore industriale. La crescita prevista per il 2010 è dell’1,0%, seguita da un leggero rallentamento a 0,9%, nel 2011.

N

el secondo trimestre di quest’anno, l’economia italiana ha registrato un incremento dello 0,5% t/t, dopo una crescita dello 0,4% nel primo trimestre 2010. Le esportazioni nette hanno offerto un contributo pari allo 0,6% della crescita, grazie all’aumento della domandanell’insieme della zona euro. La situazione si è rivelata tuttavia meno brillante per la domanda domestica: i consumi privati sono tornati a stagnare (0,0% t/t), a causa del peso della situazione occupazionale sul morale delle famiglie. Nonostante tutto, gli investimenti hanno continuato a crescere (+1,3% t/t nel secondo trimestre, dopo +1,4% t/t nel primo trimestre), in particolare per quantoriguarda le spese per attrezzature (+3,9% t/t nel secondo trimestre, dopo +4,1% t/t nel primo trimestre). Questo risultato è in gran parte dovuto all’effetto trainante dell’imminente scadenza degli incentivi fiscali, a fine giugno. Una situazione che non ha tuttavia impedito un nuovo calo degli investimenti edilizi nel secondo trimestre (‑0,9% t/t, dopo ‑0,4% t/t nel primo trimestre). Infine, dopo duetrimestri di riapprovvigionamenti, la ricostituzione delle scorte ha registrato nel secondo trimestre un notevole rallentamento, dando un contributo negativo alle cifre della crescita (‑0,6 punti). Nel complesso, l’economia italiana offre un’immagine positiva ma – dopo aver beneficiato nel secondo trimestre del forte incremento della domanda mondiale – non sfuggirà al rallentamento mondialeprevisto nella seconda metà del 2010. I sondaggi suggeriscono già un calo della crescita del settore industriale. Il sondaggio condotto presso i direttori acquisti (PMI) mette in evidenza un calo di quasi due punti dalla fine del secondo trimestre, con una previsione di diminuzione dei nuovi ordini. La produzione industriale è aumentata in agosto dell’1,6% m/m. Nonostante ciò, ipotizzando unastabilizzazione in settembre, la produzione industriale sarebbe aumentata nel terzo trimestre solo dell’1,9% t/t, contro il 2,2% t/t nel secondo. Sul versante della domanda, la fiducia dei consumatori resta incrinata. La debolezza del mercato del lavoro, le tensioni politiche e la fine delle misure di rilancio sembrano pesare sul morale dei consumatori. La ripresa dei consumi privati non è riuscita adacquistare velocità e dovrebbe restare inferiore alla sua media di lungo periodo – già debole – fino alla fine dell’anno prossimo, a seguito della progressiva attuazione delle misure di austerità. Su una nota più positiva, durante il mese di agosto, l’inflazione è rimasta stabile all’1,8% a/a, spazzando via i timori di inflazione. Inoltre, dopo essere rimasto stabile per due mesi, il tasso didisoccupazione è arretrato in agosto dello 0,2%,

Italia: contributo alla crescita
t/t, % 2,0 1,0 0,0 -1,0 -2,0 -3,0 -4,0 2007 2008 2009 2010 Domanda int. stock escl. Saldo con l’estero stock PIL Source: ISTAT, Previsioni Crédit Agricole S.A. Previsioni

Italia

2009 2010 2011 1,0 0,4 2,4 0,2 0,2 8,4 1,6 0,9 0,4 2,4 -0,1 0,4 8,2 1,7 T1 0,4 0,1 1,4 0,2 0,0 8,4 1,3

2010 T2 0,5 0,0 1,3 -0,5 0,6 8,51,6 T3 0,2 0,1 0,6 0,0 0,2 8,3 1,7 T4 0,1 0,1 0,3 0,0 0,1 8,3 1,7

Pil -5,1 consumi nazionale -1,8 investimenti -12,2 variazione delle scorte -0,5 esportazioni nette -1,2 tasso di disoccupazione 7,8 inflazione (a/a %) 0,8

scendendo a 8,2% (cfr. pag. 2). In totale, il dinamismo della domanda estera permette all’Italia un’uscita dalla recessione più veloce del previsto, anche se più lenta di...
tracking img