Le contrat social en italien

Disponible uniquement sur Etudier
  • Pages : 5 (1217 mots )
  • Téléchargement(s) : 0
  • Publié le : 17 juin 2010
Lire le document complet
Aperçu du document
JEAN-JACQUES ROUSSEAU – DU CONTRAT SOCIAL

Di Jean-Jacques bambino, Rousseau scrive : Io mi credevo greco o romano. Capiamo, così, che egli si entusiasmava per l’eroismo e la civiltà degli eroi di Plutarco. Ginevra gli sembrava una città antica. Egli lascia presto la sua patria; in Savoia come a Parigi, egli lavora molto per trovare se stesso. A 31 anni un caso lo porta a Venezia, comesegretario dell’ambasciatore di Francia. I Veneziano non sono gli Spartani. Davanti ai costumi corrotti e al malgoverno, egli vede che tutto dipendeva dalla politica. Sì, ma era un circolo vizioso, perché il governo dipende dai costumi che incoraggia. Il primo compito non è quello di formare buoni cittadini? La politica suppone una buona educazione. Il pensiero di Rousseau è avviato. Lo spettacolodella Francia conferma la sua diagnosi. Egli sogna presto di scrivere delle Institutions Politiques, legge i buoni autori mentre compone il suo Discours sur l’Inégalité, poi, per l’Encyclopedie l’articolo Economie Politique.
Il 9 aprile 1756 si ritira a Montmorency e stabilisce il suo piano di lavoro. Innanzitutto riassumere e commentare i lavori dell’abate di Saint-Pierre, di cui ha idocumenti, sulla Paix Perpétuelle e la Polysynodie, governo dei consigli. Poi espletare tre grandi progetti: finire le Institutions Politiques iniziate nel 1751, scrivere una Morale Sensitive, sull’accordo di bonheur e virtù, mettere insieme le sue idee sull’educazione. La composizione inaspettata della Nouvelle Héloise lo interruppe e perse il coraggio di lavorare alle sue Institutions Politiques.Queste dovevano avere due parti, una sui principi del diritto politico, l’altra sulle relazioni tra i popoli. Conservò la prima e bruciò il resto. Il contenuto delle sue tre opere prese corpo nella redazione del trattato sull’educazione, Emile, il cui quinto libro tratta di politica. Ma pubblica simultaneamente i suoi principi di diritto politico sotto il titolo di Contrat Social (1762). Come nonnotare che è mantenuto lo stretto legame tra la politica e l’educazione che Rousseau trovava già nella Repubblica di Platone?
Per noi, la politica è l’arte di amministrare una società, di mantenervi la pace sociale, di trasformare la legislazione per adattarla alle modifiche introdotte dalla storia, di controllare le diverse attività degli uomini in modo che le istituzioni siano giuste edefficaci, di regolare le relazioni tra lo Stato e gli altri Stati. Noi parliamo di politica finanziaria, scolastica, economica, sociale. ma noi poniamo un altro accento, quando la parola si applica all’arte di conquistare o di conservare il governo. Rousseau non ignora certo questi problemi. Egli sa, in particolare, che la politica è l’arte del possibile; lo dimostra quando ragiona su casiconcreti (la Polonia, la Corsica, Ginevra) o quando scrive l’articolo Economie Politique. Egli sa anche che si può concepire una scienza politica che cerchi le leggi che risultano dalla natura delle cose: Montesquieu ne ha dato i principi nel suo Esprit des Lois (1748). Rousseau non ha l’ambizione di rifare questo grande libro, né di studiare la politica in sé, ma di determinarne il fondamento, iprincipi del diritto politico. Montesquieu è innanzitutto giurista e sociologo. Rousseau è filosofo, si preoccupa della natura e del bonheur dell’uomo; cammin facendo, incontra necessariamente la politica. Non è stato definito l’uomo un animale politico?
A modo suo egli riprende problemi già sollevati da Hobbes e dai teorici del diritto naturale. Ma questi autori, dice Rousseau, si preoccupanopiù di giustificare ciò che è, di partire dai fatti invece di cercare ciò che deve essere. Per esempio Hobbes pensa che siccome ognuno vuole la propria sicurezza, c’è bisogno di un potere forte che impedisca all’uomo di essere un lupo con l’uomo. I teorici del diritto naturale non si preoccupano abbastanza di analizzare questa natura; anch’essi partono dai fatti e giustificano l’ordine stabilito....
tracking img