Storia italia

Disponible uniquement sur Etudier
  • Pages : 46 (11455 mots )
  • Téléchargement(s) : 0
  • Publié le : 30 mai 2010
Lire le document complet
Aperçu du document
Storia italia (1847 – 1948)

I) Formazione dello Stato nazione :

- Introduzione
- Gli stati italiani prima della formazione dello Stato nazione.

- Nel 1848 : L’Italia non è ancora uno stato, è una penisola.

- Al potere : un unico regno, quello di Sardegna → La famiglia di Savoia (italiani).
- Carlo Alberto di Savoia (1831 – 1849) ; Vittorio Emanuele II (1849 – 1861, re d’Italia1861 – 1878)

- Ci sono altri regni sotto la dipendenza di famiglie straniere → Borboni di Spagna (nel regno delle due Sicilie), il regno lombardo - veneto (Austria).

1) Il “Quarantotto” e la prima guerra d’indipendenza.

a) La Rivoluzione costituzionale 1847 – 1848.

- Serie di insurrezioni costituzionali per chiedere una costituzione.
- Primi motti revoluzionari → nel regno delle DueSicilie (o Regno di Napoli).

- Ferdinando II re (1830 – 1859) → viene costretto a scrivere una costituzione nel 1848 ( è la prima in Italia)
- Francesco II (1859 – 1860)

- Marzo 1848 : Carlo Alberto di Savoia concede anche lui una costituzione → lo Statuto Albertino.
- Solo gli stati italiani dipendenti dell’Austria non hanno ottenuto una costituzione → motivo di scontento.

- Punti comunisul modello costituzionale francese :

1) Il sistema bicamerale :
- una camera costituita da membri nominati a vita dai sovrani.
- una camera dove i membri sono eletti al suffragio censuario ( si deve pagare il censo per potere votare, specie di imposto) → solo ceti sociali che votano : la borghesia (Alta).

2) Il re e la camera : hanno il potere legislativo.Ma il re ha il potere esecutivo da solo. Ha un potere molto forte → sua persona è dichiarata “Sacra e Inviolabile”.

- Lo stato lombardo veneto conosce un periodo rivoluzionario. Ci sono delle insurrezioni popolari contro gli Austriaci.
- 18 – 12 marzo 1848 a Milano : “Le cinque giornate” per chiedere una costituzione e la fine della dominazione austriaca.
- 22 Marzo : Fine della dominazioneaustriaca, vengono cacciati della città.
- A Venezia, l’insurrezione è molto violenta → gli austriaci lasciano la città.

b) La prima fase della prima guerra d’indipendenza.

- 23 Marzo : Carlo Alberto annuncia la sua volontà di aiutare gli insorti Lombardi e Veneti. → Inizia una serie di guerre contro l’Austria in un’ arco breve.

- Prima fase : la guerra guidata dal Piemonte dal marzo1848 fino ad agosto da Carlo Alberto di Savoia contro l’Austria. CAS vuole combattere da solo, essere alla guida da solo. Però, fin dal inizio, arrivano volontari per aiutare l’esercito piemontese.

- “Volontari” : dimensione patristica, auitare alla formazione di una patria → patriottismo.

- Ma l’esercito piemontese deve fare l’armistizio il 9 agosto 1848, dopo la sconfitta di Custoza a Veronail 23 – 25 luglio 1848 → fine della prima fase della guerra.

- C’è un’assenza di solidarietà da parte degli altri stati italiani.
- Il Piemonte ha un ruolo dominante.

- Inizia una serie di annessioni (decizioni volontari) → volontà di creare uno stato da parte dei vari stati italiani.
- Il Ducato di Parma decide l’annessione, come i governi di Milano e di Venezia → comincia il regno diSavoia.

c) Le rivoluzioni repubblicane del 1848

- Conseguenze : c’è una tonalità rivoluzionaria. A Firenze e a Roma → rivoluzioni repubblicane nel 1849.

- A Firenze : Ci sono motti rivoluzionari alla fine luglio 1848. Movimento popolare e patriottico (ci sono anche ceti sociali più bassi). Riproveranno al Duca di Toscana di non aver saputo aiutare il Piemonte contro l’Austria.

→ Il ducaviene costretto a fuggire, la sua autorità è indebolita (ma la sua fuga sarà breve).

- A Roma : Orientamento è più ripubblicano. Parte dal rifiuto dal Papa Pio IX di fare la guerra contro l’Austria → rivolta dai patrioti e liberali.
- Mazzini e Garibaldi (personaggi importanti) sono al centro → Il Papa deve fuggire a Gaeta (regno di Napoli).

- 9 febbraio 1849 : repubblica di Roma viene...
tracking img