Article de presse en italien

Disponible uniquement sur Etudier
  • Pages : 2 (404 mots )
  • Téléchargement(s) : 0
  • Publié le : 23 novembre 2009
Lire le document complet
Aperçu du document
Caro Paolo Conti,
Roma, mercoledì scorso, ore 14,15, linea 791: sono una studentessa di 19 anni e sull’autobus che ogni giorno mi porta a casa dall’università di Roma Tre, sto in piedi nellapedana in mezzo a tanta gente. L’autobus è pieno, si sta stretti. Ascolto Ligabue con il mio i Pod infilato nella tasca dei jeans e le cuffiette alle orecchie. Improvvisamente il silenzio, mentre sentonettissima una mano sfilare l’iPod dai miei pantaloni.
Allora guardo chi mi sta più vicino: sono due uomini (che siano di colore non ha importanza), non due ragazzi, due uomini sui quarant’annie li vedo fare un movimento rapido come se nascondessero qualcosa . Li guardo e dico: “Ridatemi il mio iPod, per favore so che l’avete preso voi”. “ Datti una calmata, ragazzina,- mi rispondono contono minaccioso,- mica siamo zingari, che vuoi da noi…”
A questo punto inizia a salirmi la rabbia e un frustrante e drammatico senso di impotenza. Che fare? Uno dei due ha sicuramente il mio iPod intasca e tutti e due stampata in faccia un’aria strafottente di chi sa che l’ha già fatta franca.
Accanto a me, il vuoto. Molte persone vedono quello che accade, nessuno fa niente, nessuno dicequalcosa. Decido di andare dal conducente per cercare, almeno da lui, un aiuto. Peccato. L’autista, mentre guida è al telefono. Mi divide da lui un vetro che mi rende invisibile: sembra isolarlo datutti e da tutto. Oltre alla strada (per fortuna) non presta attenzione ad altro se non alla sua telefonata concitata. Batto il vetro: neanche mi guarda. Batto ancora più forte. Alzo la voce perrichiamare la sua attenzione. Niente. Mi sento davvero come in un incubo in cui tenti di fare il numero di telefono e non ci riesci. L’autobus corre e arriva alla nuova fermata. L’autista apre le porte, idue uomini che stavano accanto a me, ovviamente ne approfittano, scendono e se ne vanno via tranquilli (con il mio iPod). Fine della storia. Certamente banale ininfluente e del tutto marginale se...
tracking img